Contro canto. Le culture della protesta dal canto sociale al rap

Responsive image
Antonio Fanelli

Contro canto. Le culture della protesta dal canto sociale al rap

Prefazione di Alessandro Portelli

Virgola, n. 128

2017, pp. X-220

ISBN: 9788868436049

€ 25,00

Con la musica non si fa la rivoluzione, ma è pur vero che attraverso i linguaggi e le forme musicali e le pratiche di condivisione e di fruizione della musica si è espresso – e si esprime tutt’oggi – gran parte dello spirito antagonistico dei ceti popolari e delle giovani generazioni del nostro paese. Canzoni e generi musicali hanno caratterizzato varie fasi della nostra storia recente, lasciando un segno profondo nella memoria collettiva. Poca attenzione, però, è stata prestata alle forme di produzione, circolazione e ricezione delle musiche che hanno accompagnato i momenti di tensione politica e di scontro culturale. Si tratta di un vasto patrimonio di pratiche e di esperienze diffuse che delinea una sorta di vero e proprio «contro canto» della storia italiana. Il percorso tracciato in questo libro parte dall’analisi del canto sociale e politico di quelle che Antonio Gramsci definiva «le classi subalterne», prosegue con le vicende dei gruppi e dei movimenti che negli anni della contestazione si opposero all’omologazione di massa cercando di coniugare sperimentazione culturale e attivismo politico e arriva alle nuove forme espressive della conflittualità sociale negli anni del rap e dei centri sociali, con l’invenzione di inedite sonorità che intrecciano la riscoperta della memoria storica dei canti di lotta con la reinvenzione dei dialetti e delle identità locali, a cavallo tra culture giovanili, antagonismo politico, mercato discografico e libera diffusione tramite la rete. La creatività dei gruppi sociali in conflitto con la cultura ufficiale viene qui ricostruita mediante un viaggio tra le vicende del movimento operaio, dei movimenti sociali e delle culture giovanili, delineando un’originale rilettura della storia culturale italiana. Ispirato agli esiti più maturi dei cultural studies, questo lavoro mostra come, scavando nelle pieghe della produzione culturale e musicale, sia possibile leggere, in controluce, la storia del conflitto tra cultura alta e cultura popolare, tra consumo culturale di massa e avanguardie militanti, tra progetti egemonici dell’industria culturale e le forme e le pratiche di resistenza dal basso.

Tra crisi e riscatto


Angela Di Fazio
Tra crisi e riscatto
Elsa Morante legge Ernesto De Martino

Pp. 236 Uscita: 10/3/2017
Collana: Le Sfere – 153
ISBN: 978-88-6598-843-5

Pendragon

Prezzo: € 18,00

 

Un profilo di Elsa Morante, lettrice di etno-antropologia, a partire dai rilievi su un corpus di opere organiche alla ricerca di Ernesto De Martino: il saggio Pro o contro la bomba atomica (1965); la raccolta Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi (1968); i romanzi La Storia (1974) e Aracoeli (1982). Con questo intento il volume analizza, nelle particolari modulazioni morantiane, le tematiche demartiniane dell’antropogenesi (l’oscillazione tra “crisi della presenza” e “riscatto culturale” come forme costitutive dell’essere umano); il rapporto tra storia e metastoria; il concetto di “apocalisse culturale”; la risoluzione del lutto attraverso forme di compianto ritualizzate e la categoria della “festa” rivoluzionaria, motivi funzionali alla definizione, da parte di Morante, del ruolo dell’intellettuale nel secondo dopoguerra. Lo studio arriva così a definire l’eredità di De Martino nei termini di una teoria culturale, che incontra qui una particolare declinazione letteraria.

Il mondo magico

Biennale d’Arte di Venezia 2017 | Padiglione italiano: Il Mondo Magico 

Il mondo Magico, la mostra curata da Cecilia Alemani per padiglione dell’Italia alla 57° biennale d’Arte di Venezia, è formata da tre spazi in successione che ospitano altrettante installazioni di Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey e Giorgio Andreotta Calò. Tre autori il cui percorso artistico è contrassegnato dalla fiducia nell’immaginazione come possibilità di guardare oltre i fenomeni visibili, rintracciando modi diversi di fare esperienza nella realtà.

http://www.ilmondomagico2017.it/

Il titolo dato alla mostra  è preso a prestito dalla più nota delle opere letterarie dell’antropologo Ernesto de Martino, pubblicato nel 1948, che individuava nei rituali della magia le modalità con cui gli uomini tentano di trovare la propria identità all’interno di contesti storici e sociali incerti.

continua a leggere

Cerimonia di intitolazione a Clara Gallini della Biblioteca Comunale di Crema

Palazzo_Benzoni_-_Crema[1]

Mercoledì 3 maggio 2017, ore 17

Biblioteca Comunale Crema

 

Cerimonia di intitolazione della Biblioteca a Clara Gallini

per ulteriori informazioni:

http://www.culturacrema.it/events/event/intitolazione-biblioteca-a-clara-gallini/

Clara Gallini

Stamattina, all’ospedale San Giovanni di Roma, è scomparsa Clara Gallini, Professore emerito di etnologia, nostra Presidente onoraria e, soprattutto, per molti di noi, cara amica e insostituibile maestra.

DÉBAT: Ernesto De Martino. La fin du monde. Essai sur les apocalypses culturelles

DÉBAT

Mercredi 25 janvier 2017
17 h 30-20 h 30

Débat organisé par le IIAC autour du livre publié aux Éditions de l’EHESS dans la collection « EHESS-Translations ».

Texte établi, traduit de l’italien et annoté sous la direction de Giordana Charuty, Daniel Fabre et Marcello Massenzio.

Avec : Marc Augé, Roberto Beneduce, Giordana Charuty, Emmanuel Désveaux, Carlo Ginzburg, Marcello Massenzio, Jean-Claude Schmitt et Sophie Wahnich

EHESS • Amphithéâtre Furet

105 bd Raspail • Paris 6e

Nuovo sito dell’Associazione

Il sito dell’Associazione internazionale Ernesto de Martino è online dal 1998. Una prima versione, realizzata in HTML 4.01, con sole pagine statiche, è stata in seguito sostituita, nell’ottobre 2007, da un nuovo sito basato su un elementare CMS (content management system), che consentiva una gestione migliore e più semplice delle pagine, nel frattempo cresciute in numero, frequenza di aggiornamento e varietà di contenuti.

La nuova versione – online da oggi – intende fare un ulteriore passo avanti, divenuto quasi inevitabile di fronte alla trasformazione delle tecnologie della rete, introducendo una nuova veste grafica, che si adatta ai diversi media attraverso i quali si accede oggi a internet: oltre al pc, anche tablet e telefoni.

Un trasferimento graduale dei vecchi contenuti potrà essere deciso, per riunificare in un unico luogo le comunicazioni, le notizie, gli appuntamenti passati, ma non è ancora stato fatto né predisposto.

Il vecchio sito, con tutti i materiali, continua pertanto a essere accessibile, con tutti i suoi servizi, all’indirizzo http://www.ernestodemartino.it/fn

Demain y aura-t-il un monde?

Mercredi 7 décembre 17h – 21h

projection-débat

Cycle Écrits Écran – Projection-débat en partenariat avec la Direction de l’image et de l’audiovisuel de l’EHESS

Autour du film Le Désert rouge (1964) de Michelangelo Antonioni et de l’ouvrage La fin du monde. Essai sur les apocalypses culturelles d’Ernesto De Martino

Discussion avec Giordana Charuty, Jean-Paul Colleyn et Marcello Massenzio.

Lieu : Amphithéâtre François-Furet – EHESS – 105 bd Raspail – 75006 Paris

http://editions.ehess.fr/saison-culturelle/

Las influencias de Ernesto de Martino en la antropologia argentina

L’ultimo numero della rivista Archivio antropologico mediterraneo ospita un corposo e interessante articolo sulla ricezione del pensiero di Ernesto de Martino nell’antropologia argentina, in particolare attraverso la mediazione di Marcelo Bórmida.

L’estratto, è online all’indirizzo: http://www.archivioantropologicomediterraneo.it/riviste/estratti_18-1/estratti_18-1-08.pdf